EMERGENZA COVID-19 - SOSTEGNO AL PAGAMENTO

AVVISO PUBBLICO
IL SINDACO

VISTA la deliberazione della Giunta Regionale in data 8 aprile 2020, n.121 avente ad oggetto EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID 19. MISURA URGENTE DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTÀ ECONOMICA. ISTITUZIONE "FONDO REGIONALE DI SOLIDARIETÀ COVID 19"con la quale la Giunta stessa ha approvato l’istituzione di un “Fondo regionale di solidarietà Covid 19”, quale misura urgente di sostegno alle famiglie in difficoltà economica, con uno stanziamento complessivo di euro 2.000.000,00 (Duemilioni);
VISTO che detto provvedimento nell’elenco allegato 1, parte integrante dell’atto, prevede l’assegnazione di un contributo a tutti i 136 comuni molisani, sulla base della popolazione residente (Dati Istat 2019) per il sostegno al pagamento delle utenze e/o del canone di locazione dell’abitazione di residenza per i nuclei familiari che si trovano in evidenti situazioni di disagio economico aggravate dall’emergenza Covid 19; VISTA la legge regionale n.2 del 30 aprile 2020 “Bilancio di previsione pluriennale 2020-2022;
VISTA la determinazione dirigenziale del 07-05-2020 n. 2245 con la quale viene liquidata al Comune di Morrone del Sannio la somma di Euro 3.769,76;

RENDE NOTO

CHE DAL 3 giugno AL 30 giugno 2020 i nuclei familiari colpiti dalla situazione economica determinatasi per effetto dell’emergenza COVID-19, possono presentare richiesta per beneficiare di contributi economici “una tantum” per il sostegno al pagamento di utenze e/o di canone di locazione dell’abitazione di residenza, di cui alla misura regionale sopra indicata.
Beneficiari della misura sono i nuclei familiari, per cui non sarà possibile presentare più di una domanda per ciascuna famiglia residente.
1. Requisiti di accesso e criteri di valutazione: Possono presentare istanza i cittadini residenti presso il Comune di Morrone del Sannio che, a causa dell’emergenza sanitaria, si sono trovati in una condizione di precarietà economica momentanea determinata da:
• Perdita del lavoro per licenziamento determinato da sospensione /chiusura attività;
• Chiusura o sospensione dell’esercizio commerciale o altra attività di proprietà;
• Mancata riconferma di lavoro stagionale e assenza di indennità di disoccupazione (NASpI) per sospensione della stessa;
• Mancato pagamento dello stipendio di marzo e aprile per difficoltà di liquidità delle aziende contemplate tra quelle chiuse/sospese a causa delle misure di emergenza; i nuclei familiari, anche beneficiari del reddito di cittadinanza, il cui valore complessivo mensile non è
superiore a 300 euro in caso di nucleo familiare composto da una sola persona, a 500 nel caso sia composto da 2 persone, a 600 euro nel caso sia composto da 3 o più persone con priorità per chi ha il valore complessivo mensile più basso;
Sono esclusi dal beneficio:
1) i titolari di attività o aziende che non hanno avuto sospensione della propria attività, in base al DPCM del 10 aprile 2020 e ai relativi codici ATECO ;
2) I nuclei familiari che hanno un ISEE superiore ad € 12.000,00;
3) Coloro che appartenere ad un nucleo familiare beneficiario di altro sostegno pubblico (pensione o indennità di disoccupazione ecc.);
L’esclusione di cui al punto 2 non si applica a coloro che a seguito del precedente Avviso pubblico, relativo al bonus spesa di cui all’O.C.D.P.C. n. 658 del 29.03.2020, sebbene rientrante in classifica, non ha ricevuto alcun beneficio a causa dell’esaurimento dei fondi.
La platea di beneficiari e il relativo contributo sarà individuata da una Commissione Comunale all’uopo nominata, che effettuata l’istruttoria delle domande pervenute, provvederà alla stesura della graduatoria finale dei beneficiari sulla base dei seguenti criteri di valutazione ed in ordine decrescente di punteggio (dal punteggio più alto a quello più basso):

 

Criteri di valutazione

Punteggio

Situazione reddituale

Nucleo familiare mono reddito il cui titolare di reddito ha subito sospensione, o perdita dell’attività lavorativa a seguito dell’emergenza COVID-19, con esclusione di coloro che  hanno  percepito  altri  aiuti  pubblici    attinenti all’emergenza.

10

Nucleofamiliareplurireddito di cui  almeno un titolari di reddito ha subito sospensione, o perdita dell’attività lavorativa a seguito dell’emergenza COVID-19, con esclusione di coloro che hanno percepito altri aiuti pubblici attinenti all’emergenza.

4

Nucleo familiare privo di reddito

8

Composizione del nucleo familiare

nr. 1 componente

1

nr. 2 o più componenti senza figli

2

Nucleo familiare con 1 figlio a carico

4

Nucleo familiare con 2 figli a carico

6

Nucleo familiare con 3 o più figli a carico

8

Nucleo familiare che non sia già stato assegnatario di sostegno pubblico (bonus spesa di cui all’O.C.D.P.C. n. 658 del 29.03.2020; reddito di cittadinanza, ecc.).

5

Nucleo familiari che a seguito del precedente Avviso pubblico, relativo al bonus spesa di cui all’O.C.D.P.C. n. 658 del 29.03.2020; sebbene rientrante  in  classifica  non  ha  ricevuto  alcun beneficio a causa dell’esaurimento dei fondi.

10

Le richieste verranno soddisfatte fino alla concorrenza massima del budget disponibile pari ad Euro 3.769,76, somma che potrà essere incrementata da eventuali donazioni offerte dai privati o con risorse proprie dell’Ente per lo stesso scopo.
2. Entità e tipologia del sostegno e modalità della concessione Il valore del contributo una tantum è articolato secondo la seguente modalità:
A) Pagamento utenze
• Si provvederà al pagamento, a mezzo bonifico bancario in favore del beneficiario (a tal fine nella domanda questi deve indicare il proprio IBAN) dell’ammontare delle utenze (energia elettrica, telefonia fissa, gas), INTESTATE AD UN COMPONENTE DEL NUCLEO FAMILIARE pagate, scadute e non pagate o in scadenza nei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno 2020, a presentazione, in allegato alla domanda, di fotocopia delle bollette medesime. L’importo massimo erogabile sarà fino a concorrenza di quanto indicato in bolletta e comunque non superiore ad euro 300,00 complessivi (inteso con riferimento alla sommatoria di tutte le bollette esibite).

B) Pagamento canone di locazione
• Si provvederà al pagamento diretto del canone mensile (mesi di marzo e/o aprile e/o maggio e/o giugno) di locazione della casa di residenza attraverso bonifico al richiedente/beneficiario (al medesimo IBAN di cui sopra). La percentuale di rimborso del canone sarà pari al 50% dell’importo complessivo delle tre mensilità e comunque non superiore a € 400,00. Il richiedente, pena esclusione, deve indicare in domanda:
• l’IBAN dove inviare il bonifico (vedi sopra);
• copia del contratto di locazione;
• Entro 10 giorni dal ricevimento del contributo, di cui alle precedenti lettere A) e/o B), il beneficiario è tenuto a trasmettere a mezzo mail o a mano in caso di assoluta impossibilità e previo appuntamento telefonico al fine di evitare assembramenti di personale’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Morrone del Sannio, la copia della ricevuta quietanzata del canone di locazione rilasciata dal proprietario di casa e copia delle ricevute delle bollette pagate. Gli inadempienti verranno segnalati alle autorità competenti, secondo le modalità
previste dalla legge.
Si precisa che chi presenta domanda per entrambe le misure di cui alle lettere A) e B), potrà beneficiare solo di quella il cui importo da corrispondere è maggiore.
3. Modalità di presentazione della domanda: La domanda dovrà essere presentata utilizzando l’apposito modello allegato al presente Avviso (allegato A) e dovrà pervenire all’Ente, secondo una delle seguenti modalità:
- a mezzo PEC: comune.morronedelsanniocb@legalmail.it
- consegna a mano, solo in caso di assoluta impossibilità di utilizzare le modalità sopraindicate e previo appuntamento telefonico al fine di evitare assembramenti di persone, presso gli Uffici Comunali.
4. Controlli: Si ricorda che, a norma degli artt. 75 e 76 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445 e successive modificazioni ed integrazioni, chi rilascia dichiarazioni mendaci è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia e decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera.
5.Responsabile del Procedimento: Il Responsabile del Procedimento è il Dr. Michele OTO - Responsabile Tecnico Amministrativo del Comune;

6. Pubblicità : Il presente avviso sarà pubblicato unitamente al modello di domanda all’Albo Pretorio del Comune di Morrone del Sannio e , sul sito internet dello stesso Comune.
7. Informativa sul trattamento dei dati personali REG. UE N° 679/2016 Il Comune in qualità di titolare del trattamento, tratterà i dati personali conferiti con modalità prevalentemente informatiche e telematiche, per l'esecuzione dei propri compiti di interesse pubblico o comunque connessi all'esercizio dei propri pubblici poteri, ivi incluse le finalità di archiviazione, di ricerca storica e di analisi per scopi statistici. I dati saranno trattati per tutto il tempo necessario alla conclusione del procedimento-processo o allo svolgimento del  servizioattività richiesta e, successivamente alla conclusione del procedimento-processo o cessazione del servizio-attività, i dati saranno conservati in conformità alle norme sulla conservazione della documentazione amministrativa.
I dati saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori del titolare e potranno essere comunicati ai soggetti espressamente designati come responsabili del trattamento. Al di fuori di queste ipotesi i dati non saranno comunicati a terzi né diffusi, se non nei casi specificamente previsti dal diritto nazionale o dell'Unione europea.
Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e seguenti del RGPD).
Gli interessati, ricorrendone i presupposti, hanno, altresì, il diritto di proporre reclamo all’Autorità di controllo (Garante Privacy) secondo le procedure previste.
8. Clausola salvaguardia : Per esigenze di celerità dell’azione amministrativa, in relazione all’impatto economico dell’emergenza sanitaria in atto ed alla conseguente necessità di disporre interventi pubblici di sostegno in tempi rapidi, il presente Avviso viene emanato pur nelle more dell’inserimento del contributo regionale nel bilancio di previsione.
Pertanto, i beneficiari della presente misura, ancorché idoneamente selezionati, non potranno far valere alcuna pretesa o diritto nei confronti del Comune di Morrone del Sannio, prima dell’avvenuto inserimento del contributo regionale nel bilancio di previsione 2020, in corso di formazione.

Scarica file (Download):