BIT di Milano 2017- Morrone c'era.

Il Molise ha colpito nel segno alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano in svolgimento fino a domani. Stimati nello stand 20mila visitatori di passaggio nella sola giornata di ieri.

Curiosità e voglia di conoscere la realtà molisana presentata con uno stand multimediale che alla fiera Milanocity è praticamente sulla bocca di tutti. I video dei paesi molisani, i prodotti della nostra regione abbinati all’accoglienza nello stand da parte delle hostess e del personale dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo di Termoli e di Molise Orientale che non lasciano nulla al caso. Una tipologia perfetta che è stata riconosciuta da tutti, anche da coloro che con curiosità guardano in Bit alla nostra regione.

Distruite quasi venticinquemila copie tra brochure della regione Molise e guide multimediali consultabili tramite applicazioni per smartphone e tablet dove è possibile consultare i paesi molisani che hanno aderito alla Bit con Regione, Aast e Molise Orientale. Non mancano neanche i gadget delle aziende che sono presenti in Bit.

Ed il Molise ha occupato anche la cronaca nazionale della Bit 2017. Lo stand della nostra regione nel servizio mandato in onda ieri sera dal Tg5 è stato definito come “il più innovativo ed il più visitato”.

Ma anche l’ufficio stampa della stessa Bit saluta con entusiasmo il ritorno alla Borsa Internazionale del Turismo del Molise e dell’Abruzzo: “Per gli amanti della vacanza nella natura, la meta più hot di quest’anno è il Sud Italia: Abruzzo e Molise, entrambe Regioni che ritornano a Bit dopo alcune edizioni, stanno diventando autentici paradisi per il cicloturismo grazie a percorsi unici tra mare e monti……”.

A metà mattinata è passato per un saluto nello stand molisano il cabarettista toscano Paolo Ruffini di passaggio diverse volte e già intercettato sulla costa molisana nel recente passato. “Lo stand del Molise – ha detto Ruffini – è fantastico. Penso sia tra gli stand più tecnologici di tutta la fiera. Sono stato da voi in Molise a Termoli che è una delle mie tappe preferite quando transito da quelle parti. E’ una città bella e speciale e la gente è disponibile. E poi dico sempre che non si puo’ far a meno di posti dove si mangia così bene”.

In Bit e nello stand del Molise si incontrano oggi domanda ed offerta. Proposte e pacchetti turistici per ogni esigenza ma anche novità che fanno dell’offerta molisana una vera novità degna di considerazione. Ed anche oggi l’afflusso di operatori e blogger non manca.

I numeri della Bit parlano chiaro: stimati nella tre giorni della Borsa Internazionale del Turismo 50mila visitatori, 2000 espositori, 100 travel blogger e 1500 buyers. Si tratta della 37esima edizione della Bit che viene definita come dagli stessi operatori come “anno zero”. Il restayling organizzativo ed il ritorno allo spazio espositivo del quartiere Portello sembra aver accontentato tutti.

Oggi in Bit il 44% dei buyer arriva dall’Europa, il 25% dalle Americhe e la restante percentuale dalle altre parti del mondo. Gli operatori presenti sono invece rappresentati dal 52% di tour operator, il 32% sono invece agenzie di viaggio, il 9% organizzatori di eventi, il 5% incentive house ed infine il 3% è rappresentato da travel manager aziendali.

Buoni riscontri per l’offerta molisana portata in Bit da chi ha creduto al rilancio dell’offerta promozionale e turistica del Molise. Ventuno sono ufficialmente i paesi che hanno aderito all’iniziativa della regione, dell’Aast e di Molise Orientale: Termoli, Campomarino, Petacciato, Montenero di Bisaccia, Guglionesi, Larino, Santa Croce di Magliano, San Giuliano di Puglia, Sant’Elia a Pianisi, Monacilioni, Macchia Valfortore, Pietracatella, Jelsi, Gambatesa, Morrone nel Sannio, Ripabottoni, Campobasso, Cercemaggiore, Boiano, Trivento e Castel del Giudice.